Archivi del mese: settembre 2007

Rastro

Rastro

E’ un  brulicar di gente il Rastro, velocità di percorrenza media di 2km all’ora. Turisti, cittadini, poi ci sono io in questa situazione da via di mezzo.

Ci si trova di tutto al Rastro: oggetti belli e oggetti brutti, merce rubata, profilattici alla menta, calzini di ogni tipo, pentole, cinture di pelle, vestiti usati, giornali di 10 anni fa,vecchietti che vendono palette di acciaio per la brace del camino, le ha fatte lui con le sue mani, però nessuno ha più il camino qui, vecchi vinili, nuovi videogiochi, merce pregiata e bambole sporche che chissà chi le ha usate, maghi per finta e armi per davvero, cartine per fumare e manifesti da guardare, è grande il Rastro, chissà se lo vedrò mai tutto.

Non ci torno più al Rastro, perchè c’è troppa gente e oggi mi dava fastidio, come se fossi nella mia città e la volessi tutta per me.

E non è la mia città, visto che la mia chiave non apre la porta della mia casa.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Le chicche di madrid

Nuova rubrica

Madrid

Installato nella nuova casa trovo il momento appropriato per inaugurare una nuova rubrica: Le chicche di Madrid, riassunto schematico delle cose strane e divertenti che si vedono in giro.

– Qui la hit del momento è Meravigliosa creatura di Gianna Nannini, datata 1995.

– Stasera Battiato fa un concerto a Madrid, tutto esaurito!

– Ho finalmente trovato 2 parole straniere che ce l’hanno fatta a entrare nel linguaggio spagnolo! Una è Ice Tea, anche se ovviamente si può chiedere anche un Tè frìo, e l’altra è WiFi… piccolo particolare, wifi viene pronunciato così come si scrive (uifi). I migliori adattamenti si possono invece trovare nel campo dell’informatica, raton e disco duro sono indimenticabili!

– L’università fa festa il primo giorno di lezioni! Cioè, è proprio la festa dell’università, il primo giorno invece che funzionare tutto, è tutto chiuso e ci si ubriaca tutti allegramente! Geniale!

– Secondo El Pais i giovani spagnoli si drogano di meno rispetto a qualche anno fa, eppure i negrazzi al parco del Buen Retiro giuro che ci sono ancora…

Commentare please!

4 commenti

Archiviato in Le chicche di madrid

Calle Velasquez 40

Calle Velasquez

Io ci provo, mi fido e ci provo.

Calle Velasquez non è esattamente la zona che fa per me, ma a quanto pare è solo per un mese, poi ci si sposta nella meno fighetta Calle de Atocha.

Intanto si divide la stanza con un italiano, aspettando che sia pronta la mia singola nell’altra casa.

La padrona si chiama Rosa come la mamma, la casa è legnosa, luminosa, grande, tante stanze e tanta gente, tutto è nuovo e vecchio allo stesso tempo, l’atmosfera mi piace. Certo, è in una zona fighetta dove tutti girano in giacca e cravatta, è in una camera doppia con un italiano, ma come si fa a dire di no a Rosa? E comunque è tutto provvisorio. Tra un mese vado in zona più sfigatella.

Mi sembra tutto strano, come in una bolla di sapone, anzi, come se stessi viaggiando, ma è un viaggio questo? Forse quando lascerò l’ostello (domani), inizierà la routine delle lezioni, della casa, degli inquilini, delle nottate fuori degli amici erasmus, allora mi accorgerò che sto vivendo qui.

3 commenti

Archiviato in Casa dolce casa

Bzzzzzzzzzzz

Monoscopio

Qui i problemi tecnici imperano…è saltato internet nell’ostello e io stò correndo di casa in casa e di ufficio in ufficio senza l’ausilio di skype (che comunque funziona poco) nè degli annunci su internet.

Inoltre non posso raccontare questi primi giorni particolarmente densi di eventi e attività, nè posso lanciare sondaggioni per farmi aiutare a scegliere la casa!

Comunque forse ho trovato qualcosa…vi faremo sapere con un post più lungo e scritto più con calma!

1 Commento

Archiviato in Problemi problemi problemi

Chi ben comincia è a metà dell’opera…quindi io sono parecchio indietro

Chi ben comincia

-Nessuno in questa città risponde al telefono

– Ho comprato una scheda vodafone spagnola e sono riscito a perdere il PIN e il numero dopo circa mezz’ora

– Probabilmente Piccino stà vivendo i suoi ultimi aneliti dal momento che nessuna presa elettrica in questo ostello si adatta al suo trasformatore

– Questa città non ha panchine

Domani andrà meglio, sono sicuro che basterà dormirci su.

6 commenti

Archiviato in Problemi problemi problemi

Mi spiego…

 

 

Madrid

Blog dedicato a chi vuole sapere cosa succede in quel di Madrid dopo il mio arrivo, a chi non vuole sapere cosa succede in quel di Madrid dopo il mio arrivo, a chi vuole sapere se sto bene ma io non lo cago, a chi non vuole sapere se sto bene anche se io lo cago, a chi vuole venire a trovarmi, a chi non vuole venire a trovarmi, a chi vuole leggere le fesserie che scrivo anche se non c’entrano niente con l’erasmus, a chi non vuole leggere le fesserie che scrivo perchè non centrano niente con l’erasmus, a chi non vuole leggere le fesserie che scrivo e basta, e, ultimo ma non meno importante, a chi crede che ci sia solo lo space di msn…

2 commenti

Archiviato in Varie ed eventuali